NEWS IN BLOG

Sommelier10
9 nov 2011 | NEWS IN BLOG |

10/10 CONSIGLI DOC

per gustare il vino al meglio con i propri cari e in ogni occasione, per degustare e per brindare

10. SCEGLIERE IL BICCHIERE GIUSTO

Le ultime parole le dedichiamo al bicchiere, strumento fondamentale della degustazione.

Prima di tutto deve essere di vetro o di cristallo assolutamente non colorato o smerigliato, così da permettere di ammirare il colore del vino. L’impugnatura del gambo deve essere più o meno lunga a seconda del vino che il bicchiere deve contenere: se si tratta di un vino bianco è preferibile un gambo lungo che eviti il contatto fra la coppa e la mano la quale potrebbe, con il suo calore, alterare la temperatura del vino oltre a trasmettere odori. Al contrario, per certi vini rossi e corposi, il tepore trasmesso dalla mano può giovare alla liberazione degli aromi.

In generale quindi possiamo affermare quanto segue:

  1. flute per i vini spumanti secchi, se invece il vino è dolce e aromatico il flute va sostituito con un bicchiere a forma di coppa;
  2. bicchiere slanciato per i vini bianchi sapidi, i vini rossi giovani e novelli e i classici vini rossi mediamente invecchiati;
  3. bicchiere arrotondato ed allungato per mettere in evidenza il bouquet dei vini bianchi frizzanti;
  4. bicchiere leggermente svasato per i vini rosati;
  5. bicchiere grande e panciuto per i grandi vini rossi, austeri e molto invecchiati.

 

In ogni caso, qualunque sia il bicchiere, vale una regola generale: il vino deve essere “ assaporato”, innanzitutto con l’olfatto, perciò il bicchiere va riempito al massimo fino ai due terzi e, nel caso di vini particolarmente importanti, anche solo per un quarto. Così è possibile mantenere a lungo racchiuso il profumo e si consente che il vino lo sprigioni gradatamente, mentre si imprime un movimento leggermente rotatorio al bicchiere per far ossigenare il vino.